120402 immagine

«Mio marito non vuole un figlio, ma io sì, tanto»

Ho un problema che da qualche tempo sta diventando per me importante: io vorrei tanto fare un figlio, o quantomeno iniziare a pensarci seriamente, mentre mio marito (siamo sposati da tre anni) non ne vuole sapere, perché dice che abbiamo tempo in futuro, che servono tanti soldi, che forse stiamo meglio così. Ogni volta che ne parliamo finisce che litighiamo e io non so come affrontare questa situazione che inizia a pesarmi. È cosi da pazzi desiderare un figlio al giorno d’oggi? Inizio a pensare di essere io quella sbagliata. Gabriella

Vicenza

La sua domanda è molto importante e delicata.

Tanti non arrivano nemmeno a porsela, ma si fanno trasportare in modo superficiale là dove gli eventi li trascinano. C’è però una persona con cui è essenziale che lei si confronti: il suo compagno. Solo in questo modo può  iniziare a capire che cosa lui senta realmente e allo stesso tempo potrete chiarirvi e arrivare ad una scelta il più possibile condivisa.

Provi a chiedersi: perché decidere di mettere al mondo un figlio? In questa scelta entrano sicuramente aspetti istintivi, da sentire e da seguire senza porsi tanti perché; tuttavia non vanno escluse le motivazioni razionali, che hanno il loro peso.

È importante tener presente che mettere al mondo un bambino è un impegno: non si tratta solo di concepirlo, ma di accoglierlo e di amarlo, anche quando sarà cresciuto.
  È comunque una scelta da maturare in due, per capire se si è pronti a diventare genitori, o almeno ad accettarne l’idea. Provi poi a cercare di sentire le ragioni di suo marito, quelle vere e più profonde, non quelle apparenti, e a capire fino a che punto possano conciliarsi con le sue.

Magari prendetevi un momento di calma per parlarne. Cerchi di fargli capire quali sono le sue motivazioni, i suoi desideri, che cosa si aspetta dalla vita.

Potrebbe essere un modo per conoscervi meglio e per approfondire la vostra relazione, a prescindere da ciò che poi la vita vi riserverà. La prenda come una occasione per fare un viaggio all’interno della vostra coppia.

E provi anche a chiedersi se pensa di poter vivere bene senza un figlio. Purtroppo non è una domanda alla quale sia facile dare una risposta. Anche perché una donna è condizionata dai tempi imposti dalla sua natura biologica. Tuttavia cerchi di non cadere nella trappola: più avanti, quando sarà troppo tardi, potrei pentirmi. Non si mette al mondo un figlio solo perché è bene fare anche questa esperienza. Un domani potrebbe rimpiangere di non aver avuto figli, ma peggio sarebbe se rimpiangesse di averne avuto uno.

“Le gioie dei genitori sono segrete, e così i loro dispiaceri e timori; le prime non le sanno e i secondi non li vogliono esprimere.” (Francis Bacon)

120402
Senza titolo

Wine Meridian: nasce una nuova realtà editoriale www.winemeridian.com

17.01.2014

Un sogno e una sfida a fianco dei produttori, un nuoo progetto in cui Ethica collabora. Wine Meridian nasce dal quotidiano confronto con gli imprenditori del vino, gli export manager, …

corso produttori

Corso per produttori: sviluppare l’export nel settore del vino

07.09.2013

L’export sta rappresentando sempre di più una chiave fondamentale per la competitività delle imprese vitivinicole italiane. I mercati internazionali del vino, però, presentano caratteristiche sempre più complesse – sia per quanto riguarda le caratteristiche del mercato, …

Sede legale
Via Parini, 31 - 36100 Vicenza
Tel: 348 5727501
Fax: 045 5111343
P.Iva 03496610241

Ethica S.a.s. 2011 © - All right reserved